ENTRA NELLA SOCIAL COMPANY DI SQUADRATLANTICA > IN 15.000 LAVORIAMO AL SUCCESSO DEL MADE IN ITALY

socialcompany 5555c

(English text below)

Mark Zuckerberg, l’uomo di Facebook, il “social Network” che tutti conosciamo, afferma che la forza di una azienda è il team di persone che ci lavora e che la forza del team è quello di riunire le migliori competenze mettendole in collaborazione tra loro.

E se il team fosse il social network ?

Questa è la “Case history” di Squadratlantica, la prima “SOCIAL COMPANY” del web nata con l’ obbiettivo di concepire il prodotto migliore, realizzato nel modo migliore ed offerto al miglior prezzo. Il tutto realizzato da un team che conta decine di migliaia di persone, di competenze e di banche sparse in tutto il mondo e collegate tra loro attraverso la rete della community social di Squadratlantica.

SOCIAL COMPANY

Ma cosa realmente succede quando il team di una azienda diventa tutto il mondo social ? Come si allarga in maniera esponenziale L’ ORIZZONTE DELLE POSSIBILITA’ se a fare brainstorming su un singolo progetto si ritrovano decine di migliaia di persone ? E quale è la POTENZIALITA’ DELL’ENERGIA CONCENTRATA di queste menti, professionalità e forze economiche che riunite e coordinate in un piccolo mondo web si mettono al lavoro in brainstorming per far sì che un progetto si realizzi al suo meglio ?

LA FORZA DELLA CONDIVISIONE DELLE RISORSE

Grazie alla azione di social teaming messa in atto da Sqaudratlantica, il volume di informazioni e competenze che possono essere rese disponibili aumenta  incredibilmente la qualità del progetto che viene quindi realizzato al meglio delle possibilità estetiche e qualitative. Si vuole lanciare il progetto di un nuovo giubbotto in pelle e servono le fotografie dettagliate di una tuta di volo giapponese della seconda guerra mondiale ? Attraverso la rete di relazioni social arriverà il materiale necessario. Servono testi, traduzioni, foto ed illustrazioni ? A Squadratlantica sono connessi grafici, fumettisti, storici, direttori di Musei e scrittori di tutto il mondo, quindi si prendono ad esempio dieci illustratori, si presentano sul social dieci proposte diverse e si decide con quali proseguire. Bisogna produrre un determinato articolo e dobbiamo occuparci della programmazione ? Conoscendo in anticipo i reali volumi di produzione richiesti è possibile definire una programmazione ed una produzione adeguate e non eccedenti in termini di utilizzo di materiali e delle lavorazioni permettendo di ottenere un consistente risparmio di risorse. Effettuando l’acquisto in preorder sono i singoli clienti che di fatto, come migliaia di piccole banche di investimento, finanziano l’intero progetto un pezzo prodotto alla volta scegliendo se aspettare e convertire la loro attesa in denaro risparmiato evitando di pagare gli oneri finanziari ed il magazzino scorte che di fatto non avrebbero più ragione di esistere, oppure di pagare il prezzo pieno, come si fa da sempre. Ma la differenza è che ora è possibile scegliere.

LA SCELTA DI CONOSCERE, DI PENSARE E DI DECIDERE.

Dopo la fase di alfabetizzazione delle masse che è stata messa in atto nel dopoguerra, grazie al web ed alla rete dei social siamo ora entrati in pieno nella fase della conoscenza. Se cinquanta anni fa si imparava a leggere ed a fare i conti ora si impara a conoscere, poi si imparerà a pensare ed infine a decidere. Il social non è un fornitore di servizi ma un potente mezzo attraverso il quale la informazione e la conoscenza viaggiano veloci ed ovunque e le persone, che fino a dieci anni fa erano tra loro irraggiungibili, ora chiacchierano e discutono – più o meno serenamente – attraverso i loro profili social. Ecco perchè quello che una volta era solo “il cliente” ora è un soggetto in grado di emanciparsi dalla sudditanza “del fornitore” e di scegliere se continuare ad entrare in un negozio ed essere quello che non sa, non capisce niente e paga o iniziare invece ad informarsi, ad apprendere ed imparare e diventare parte attiva decidendo poi non solo se contribuire o meno ” a monte”, attraverso ad esempio il crowdfunding – che comunque è sempre una azione passiva pago/non pago -  alla possibilità che un determinato oggetto venga prodotto e commercializzato ma di entrare anche nella decision room dove può contribuire egli stesso al sviluppo di un progetto, dire la sua sul controverso argomento della localizzazione della produzione arrivando addirittura alla possibilità di concepire e presentazare “al team” una propria proposta, magari in qualità di designer, di illustratore o fotografo o fornitore di particolari prodotti dei quali Squadratlantica nemmeno conosceva l’esistenza. Ora è possibile.

Come Facebook, anche Squadratlantica è una entità reale, che esiste da anni ( dal 2011 ), è prodotta in una azienda che ha una sua sede fisica ed è fatta di persone, ma come giustamente afferma Zuckerberg anche noi ritieniamo che siano non solo maturi ma molto opportuni i tempi della condivisione – è per questo che abbiamo scelto il nome “Squadratlantica” che richiama un lavoro di team allargato oltre i confini nazionali – e che sia conveniente per tutti lavorare in team per utilizzare al massimo le risorse disponibili per ottenere il meglio. In tutto questo la Social Company ricopre il ruolo del catalizzatore fornendo il luogo fisico e le risorse umane  che concretizzeranno i progetti, la casa di un social teaming a respiro mondiale che apre le porte a possibilità, anche personali, incredibili fino a qualche decennio fa. Se ci pensiamo, questa è globalizzazione, ma nella sua forma migliore, ed ora il mass market ha le ore contate.

dp2016

Entra a far parte della rete social di Squadratlantica.

Facebook

Sito web

info@squadratlantica.it

++39-3312411841

===========================================================================

(English text)

JOIN THE SOCIAL COMPANY OF SQUADRATLANTICA> 15,000 WORK ON TO THE SUCCESS OF MADE IN ITALY

Mark Zuckerberg, the Facebook man, the “social network” that we all know, says that the strength of a company lays in its team of people and that the strength of the team comes from the collaboration between the different skills.

And if the team is the entire social network?

This is the “Case history” of Squadratlantica, the first web “SOCIAL COMPANY” that is born with the goal of designing the best product, made in the best way and offered at the best price. All this is made by a team that counts thousands of people, skills and banks all over the world and linked to each other through the network of the social Squadratlantica community.

SOCIAL COMPANY

But what really happens when the company team is all the social world ? How exponentially grows the horizont of possibilities when to brainstorm on a single project are focused tens of thousand minds ? And what about the energy of all these brains, skills and economic forces that, united and coordinated in a small web world, work together to ensure that the project will made at its best?

THE STRENGTH OF THE RESOURCE SHARING

Thanks to the action of social teaming implemented by Squadratlantica, the volume of information and expertise available amazingly increases the quality of the project which is then made to its best of aesthetic and qualitative possibilities.
Are you working on the project of a new leather flight-jacket that requires detailed images and close ups of an original Japanese flight suit of World War II ? Through the network of web social relationships the required infos will be soon available. We need texts, translations, photos and illustrations for a book project ?  Squadratlantica is connected to graphs, cartoonists, historians, writers and museum managers all around the world, so you can choose ten illustrators, post on the company social profiles ten different proposals and then decide with which of them keep going on the work. Another important point is the production plan: when we have to produce an item, knowing in advance the real production volume required, we can define the adequate production plan, not wasting materials and processes and then saving resources. Purchasing by preorder, the single customers, like thousands of small investment banks, finance the entire production piece by piece. The customer can choose to wait and convert its time in saving money by not paying the financial bank costs and the warehouse stocks, or to pay the full price, as it always has. But the difference is that now he has a choice.

THE CHOICE TO KNOW, TO THINK, DECIDE AND OF TAKING RESPONSIBILITY

After the stage of literacy of the masses that was put in place from the end of the war, thanks to the web we are now entered in to the era of the availability of full knowledge. If fifty years ago we learnt just to read and to reckon, now we are getting to know and then we will learn to think and finally to decide. The social network is not a service provider but a powerful media through which information and knowledge travels fast and everywhere and people, which until a decade ago were unreachable to each other, now they chat and discuss – more or less peacefully – through their social profiles. That’s because who once was only “the customer” now is a conscious subject able to emancipate himself from subservience of “the supplier” and to choose whether to continue to go into a store and be “the one who does not know, that does not understand anything and that pay” or begin instead to inquire, to learn and learn and to become an active part in order not only to decide whether to support – for example through crowdfunding, that remains a passive action support / not support other’s project – the possibility that a new product being produced, but also to enter into the decision room and to contribute to the development of a project from the very beginning, taking either the responsability to say his own word on the controversial topic of localization of production – and reaching the chance to conceive and to present “to the team” an own proposal, maybe as designer, illustrator or photographer or supplier of special products. Now you can.

Like Facebook, also Squadratlantica is a real entity; it exists since 2011, is produced in Italy by a company that has a physical location and is made up of people. But as rightly Zuckerberg says we too think that the time to share is not only mature but very appropriate – that’s why we chose for us the name “Squadratlantica” which recalls an enlarged team work across national borders – and that it is really convenient for everyone to work in a team to make maximum use of the available resources to obtain the best not waisting.
In this vision, the Social Company works as the catalyst by providing the physical location and human resources to concretize the projects, the real house of a social world team-work that opens the door to any possibilities, even personal, inconceivable until a few decades ago. And yes, this is globalization, but at its best, and now the mass market is walking on its sunset boulevard.

dp2016

Become a part of the social network of Squadratlantica.

Facebook

Website

info@squadratlantica.it

++ 39-3312411841

 

 


Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento

Senza categoria